14/11/13

Nel grano

Lei era una tipa da sky e poltrona. Simona.
Lui un tipo da "prendila e portala via". Mattia.
E in effetti se la portò via, nel grano.
Era una serata da cielo rosso nella campagna toscana. Avevano finito di mangiare pasta e fagioli sotto le note di un pezzo di Malmsteen, e stavano pensando a come passare le restanti 3 o 4 ore prima di cadere nelle braccia della signora notte.
M: Sfondiamoci di birra.
S: Si può fare. Ma dove?
M: Non so...dietro alla casa del sordo?
S: Ma non ci sente.
M: Appunto.
S: Appunto un cazzo. Che gusto c'è?
M: Vuoi che qualcuno ci senta?
S: Voglio solo correre il rischio.
I due corsero fuori con in spalla gli zaini, pieni di lattine. Fecero qualche metro più a nord in direzione della luna, poi Mattia la prese in braccio per superare la linea impressa sul grano che lei non calpestava mai. Le faceva paura, come a lui facevano paura quelle cose che roteavano nel cielo sopra di loro. Simona faceva finta di non vederle, ma le sentiva pure.
Alla fine erano andati proprio dietro quella casa. Si stesero, scomparendo nel campo.
S: Aprine una per me, amore.
Mattia le passò la lattina, con la schiuma che colava sul lato destro e che poi incontrava il suo pollice. Simona bevve e poi gli prese la mano. Gli leccò il pollice fino a farlo diventare rosso.
Ci scherzarono su. I jeans di lui andarono giù.
M: Perché ti sei fermata, amore mio?
S: Non ci vedo.
M: Cosa?
S: Non ci vedo più.
Simona vedeva nero. Buio. Niente. Invece Mattia ci vedeva bene, e non riuscì a dire una sola parola quando vide il vecchio sordo claudicante, perfettamente in piedi dietro la sua ragazza. Aveva gli occhi che brillavano di rosso, e nelle mani stringeva una falce. Quando la testa di Simona si staccò dal collo, Mattia iniziò a tremare e non smise, finché il sordo gli piantò la lama nello stomaco. Il grano attorno, e pure quello a qualche chilometro a nord si tinse di rosso.
Il vecchio sordo tornò in casa con gli zaini dei giovani ragazzi. Accese la radio, trovò un pezzo di Malmsteen e si avventò sul piatto di pasta e fagioli. Sorseggiando, di tanto in tanto, la birra bionda.